Chi sono

claudia di mario scultrice

Amo i dualismi, l’idea che nel mio lavoro possano coincidere l’idea, l’immaginazione con la concretezza della materia, il bidimensionale con il tridimensionale, ciò che è visibile con ciò che non lo è, come il vento e i pensieri, l’assoluto e il dettaglio

Ho sempre avuto la mania del creare e disegnare, da bambina passavo pomeriggi interi circondata di fogli e matite, i miei soggetti prendevano spesso vita nella mia fantasia, vivevano avventure fuori dalle due dimensioni della carta.

Questo aspetto magico del creare è ancora vivo in me,e nell’incontro con la creta, da autodidatta, ho visto subito la possibilità di esternare senza limiti i mondi segreti  che affollano il mio immaginario, dar loro forma tangibile, vita.

Esprimersi, oltre la convenzione della parola,
nell’incontro tra immaginario e concreto.

lavorazione della ceramica claudia di mario work in progress
lavorazione della ceramica claudia di mario work in progress
sculture in terracotta claudia di mario

concorsi e mostre —>

2021 CERAMICS AND MORE# 2021 DIANA, TRA MITO E ARTE# 2020 THE POTTERY SHOW# 2019 ESPOSIZIONE PRESSO IL MUSEO DELLE CIVILTA’ IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE CERAMICS & MORE# 2019 MOSTRA PERSONALE IMMAGINAR(io)# 2019 MOSTRA COLLETTIVA “IL VIAGGIO”# 2019 MOSTRA CONCORSO IL SAPERE DELLE MANI# 2019 FORMELLO IN ARTE# 2018 MOSTRA CONCORSO CERAMICS IN LOVE# 2018 KERAMINA# 2017 ESPOSIZIONE PRESSO IL MUSEO DELLE CIVILTA’ IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE CERAMICS & MORE# 2017 ESPOSIZIONE COLLETTIVA CERAMICA: SINGOLARE FEMMINILE DEL COLLETTIVO DONNARGILLA# 2016 e 2017 FINALISTA CONCORSO MARTELIVE SEZIONE ARTIGIANATO# 2016 SELEZIONE MOSTRA LA CITTÀ VISIBILE- GROSSETO# 2016/17 ESPOSIZIONE PRESSO ARTINGEGNO- FESTIVAL DELL’ARTIGIANATO SLOW# 2016 SELEZIONE ALLA MOSTRA DONNA 2016# 2016 SELEZIONE POTTERY SHOW- MOSTRA INTERNAZIONALE DI CERAMICA# 2015 MENZIONE SPECIALE AL CONCORSO INTERNAZIONALE DI ARTIGIANATO DI NAZZANO IL SAPERE DELLE MANI MOTIVAZIONE DELLA GIURIA: “PER IL SENSO DI UN RACCONTO ONIRICO QUASI DI NARRAZIONE FAVOLISTICA ESALTATA DALLA VENA POETICA DEL SEGNO PURO E INTUITIVO IN UN CONTESTO DI SCENOGRAFICA TEATRALE.”